TilT. Azioni di comunità per la partecipazione dei giovani.

Progetto finanziato nell’ambito del programma: Corpo europeo di solidarietà

Tilt è un progetto che nasce dai giovani per i giovani e che si pone come obiettivo principale quello di educare e sensibilizzare la comunità alla cittadinanza attiva attraverso l’informazione. “Coinvolgere efficacemente facendo sentire i giovanissimi parte di qualcosa di concreto, creare uno scambio di idee reciproco e istruire riguardo i mezzi a nostra disposizione al fine di realizzare tali idee è la nostra priorità”, afferma Emilio Palese, presidente della Consulta Giovanile racalina e coordinatore del progetto, mettendo in evidenza la voglia di dar vita a delle vere e proprie opportunità per gli audulti del futuro. L’interesse prende vita dalla consapevolezza che spesso, in una comunità, si hanno le idee ma non i mezzi per metterle in pratica.  E’ così che si crea un incastro perfetto tra le giovani menti di un piccolo paese e il Corpo Europeo di Solidarietà, che fornisce aiuto ai ragazzi permettendo loro di partecipare a progetti che siano non solo un beneficio per la collettività, ma anche esperienze stimolanti di crescita e occasioni per poter sviluppare nuove abilità e competenze.  La crescita personale infatti, si presenta come uno dei punti cardine del progetto che non limita i partecipanti nel loro compito ma, anzi permette a tutti di esprimere le proprie esigenze, trasformandole in spunti di riflessione comuni. Tra le altre cose, la distribuzione di compiti sfrutta a pieno le competenze e le esperienze già maturate da ogni singolo volontario, permettendo la messa a disposizione delle proprie conoscenze al fine di rendere il progetto accessibile a tutti.

“Il punto di partenza è stata la Consulta Giovanile che, non potendo partecipare a un bando, ha ben pensato di mettere insieme un gruppo di persone al fine di realizzare un progetto che racchiudesse, attraverso azioni tangibili, tutti i valori e gli obiettivi entro i quali agire. Tali obiettivi restano concordi con quelli dell’agenda 2030 di sostenibilità ambientale e tutela dei diritti”, continua Emilio, sottolineando come il Corpo Europeo rappresenti una grande opportunità per agire in maniera concreta ed acquisire i mezzi necessari, anche finanziari, per poter progredire. La vincita del bando rappresenta l’inizio di un programma già avviato da tempo dalla Consulta Giovanile, che si impegna da anni, con anche l’aiuto e la collaborazione di vari enti, a porre i riflettori su questioni di interesse comune, creando una rete di collaborazione sociale di rilievo. Una rete che dà la possibilità anche ad altri comuni limitrofi di prendere parte al progetto, che ha visto la luce del cambiamento già nella prima serata d’inaugurazione, avvenuta il 29 settembre scorso presso Binario2, spazio gestito da RacaleCam, partner del progetto. “Vedere una partecipazione così attiva, soprattutto da parte di adolescenti interessati a fare qualcosa di concreto per la comunità è stata una bella risposta”, conclude infine il presidente della CGR, con l’augurio che questo flusso di idee e questa volontà di agire possano prendere vita in maniera sempre più precisa e possano assicurare un equo accesso ai processi decisionali della vita quotidiana a tutti i giovani provenienti da differenti contesti.

Leggi di più

Tilt è un progetto che nasce dai giovani per i giovani e che si pone come obiettivo principale quello di educare e sensibilizzare la comunità alla cittadinanza attiva attraverso l’informazione. “Coinvolgere efficacemente facendo sentire i giovanissimi parte di qualcosa di concreto, creare uno scambio di idee reciproco e istruire riguardo i mezzi a nostra disposizione al fine di realizzare tali idee è la nostra priorità”, afferma Emilio Palese, presidente della Consulta Giovanile racalina e coordinatore del progetto, mettendo in evidenza la voglia di dar vita a delle vere e proprie opportunità per gli audulti del futuro. L’interesse prende vita dalla consapevolezza che spesso, in una comunità, si hanno le idee ma non i mezzi per metterle in pratica.  E’ così che si crea un incastro perfetto tra le giovani menti di un piccolo paese e il Corpo Europeo di Solidarietà, che fornisce aiuto ai ragazzi permettendo loro di partecipare a progetti che siano non solo un beneficio per la collettività, ma anche esperienze stimolanti di crescita e occasioni per poter sviluppare nuove abilità e competenze. La crescita personale infatti, si presenta come uno dei punti cardine del progetto che non limita i partecipanti nel loro compito ma, anzi permette a tutti di esprimere le proprie esigenze, trasformandole in spunti di riflessione comuni. Tra le altre cose, la distribuzione di compiti sfrutta a pieno le competenze e le esperienze già maturate da ogni singolo volontario, permettendo la messa a disposizione delle proprie conoscenze al fine di rendere il progetto accessibile a tutti. “Il punto di partenza è stata la Consulta Giovanile che, non potendo partecipare a un bando, ha ben pensato di mettere insieme un gruppo di persone al fine di realizzare un progetto che racchiudesse, attraverso azioni tangibili, tutti i valori e gli obiettivi entro i quali agire. Tali obiettivi restano concordi con quelli dell’agenda 2030 di sostenibilità ambientale e tutela dei diritti”, continua Emilio, sottolineando come il Corpo Europeo rappresenti una grande opportunità per agire in maniera concreta ed acquisire i mezzi necessari, anche finanziari, per poter progredire. La vincita del bando rappresenta l’inizio di un programma già avviato da tempo dalla Consulta Giovanile, che si impegna da anni, con anche l’aiuto e la collaborazione di vari enti, a porre i riflettori su questioni di interesse comune, creando una rete di collaborazione sociale di rilievo. Una rete che dà la possibilità anche ad altri comuni limitrofi di prendere parte al progetto, che ha visto la luce del cambiamento già nella prima serata d’inaugurazione, avvenuta il 29 settembre scorso presso Binario2, spazio gestito da RacaleCam, partner del progetto. “Vedere una partecipazione così attiva, soprattutto da parte di adolescenti interessati a fare qualcosa di concreto per la comunità è stata una bella risposta”, conclude infine il presidente della CGR, con l’augurio che questo flusso di idee e questa volontà di agire possano prendere vita in maniera sempre più precisa e possano assicurare un equo accesso ai processi decisionali della vita quotidiana a tutti i giovani provenienti da differenti contesti.

“Nessi e connessi”

“Nessi e connessi”

Nella serata di ieri, si è tenuta la presentazione del libro “Nessi e connessi” di Annalisa Corrado e Rossella Muroni.
E’ con Annalisa Corrado, coautrice, e con Margherita Zappatore, referente locale dell’ Ass. Plastic Free, abbiamo affrontato e discusso di temi importanti che riguardano la sostenibilità ambientale e l’economia circolare.
Grazie a tutti coloro che hanno partecipato all’evento.
Progetto di solidarietà “TILT: azioni di comunità per la partecipazione dei giovani”, finanziato nell’ambito del Corpo Europeo di Solidarietà.

“Acqua azzurra, acqua calda”

“Acqua azzurra, acqua calda”

Ieri pomeriggio, presso la Biblioteca Comunale di Racale, si è svolto il laboratorio “Acqua azzurra, acqua calda”.
Un’interessante laboratorio di educazione ambientale, nel quale i ragazzi e i bambini si sono divertiti imparando a costruire un pannello solare termico.
Ringraziamo Walter Micaletto e Teresa De Giuseppe per aver tenuto il laboratorio e aver fatto comprendere cos’è un pannello termico solare e la sua funzione.
Progetto di solidarietà “TILT: azioni di comunità per la partecipazione attiva dei giovani”, finanziato nell’ambito del programma europeo Corpo Europeo di Solidarietà.

DONNA, VITA, LIBERTA’

DONNA, VITA, LIBERTA’

È giunta questo pomeriggio a Racale, in Piazza San Sebastiano, l’opera Mahsa.
Un’opera che sensibilizza verso la violenza di genere e della difesa dei diritti.
Mahsa Amini è il nome della ragazza che è stata arrestata il 13 Settembre 2022 a Teheran per non aver indossato bene il velo. Tre giorni dopo moriva a seguito di gravi traumi.
Mahsa Amini è diventata simbolo della condizione femminile e della violenza sulle donne.
“DONNA, VITA, LIBERTÀ”
Progetto di solidarietà “TILT: azioni di comunità per la partecipazione dei giovani”, finanziato nell’ambito del programma europeo Corpo Europeo di Solidarietà.

generiAMOci

generiAMOci

Grazie a tutti coloro che ieri sera hanno partecipato a questo evento da un tema ancora oggi molto importante, la violenza di genere.
Grazie all’interprete Lis che ha favorito un’ulteriore comunicazione all’evento.
Un grazie all’Amministrazione Comunale e alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Racale.
Progetto di solidarietà “TILT: azioni di comunità per la partecipazione dei giovani”, finanziato nell’ambito del programma europeo Corpo Europeo di Solidarietà

Lavori in corso

Lavori in corso

In queste settimane non ci siamo fermati, ma abbiamo lavorato a qualcosa di davvero interessante che non vediamo l’ora di condividere con tutti
Nei prossimi giorni vi diremo di più!
Consulta Giovanile Melissano
Progetto di solidarietà “TILT: azioni di comunità per la partecipazione dei giovani”, finanziato nell’ambito del programma europeo Corpo Europeo di Solidarietà.

“7 minuti”

“7 minuti”

Ci teniamo a ringraziare tutti coloro che hanno partecipato lo scorso giovedì alla proiezione del film “7 minuti” di Michele Placido, un film che parla di uguaglianza, di parità di genere, di inclusione sociale.
Un ringraziamento speciale lo facciamo all’interprete LIS che ha favorito un’ulteriore comunicazione dell’evento.
Progetto di solidarietà “TILT: azioni di comunità per la partecipazione dei giovani”, finanziato nell’ambito del programma europeo Corpo Europeo di Solidarietà.

PROSSIMAMENTE

09/04 → Simulazione Consiglio Comunale @Comune di Racale
22/04 → Opportunità UE @Binario2

In collaborazione con l’associazione RacaleCAM e Fattoria Pugliese Diffusa. Si terrà un incontro informativo che l’UE rivolge ai giovani cittadini e alle associazioni giovanili.

18/05 → Festa della Consulta Giovanile @ Loading...

Presto aggiornamenti

Consulta Giovanile Racale